Indice ancoraggi

Ancoraggi a soffitto
Gli ancoraggi al soffitto sono generalmente di due tipi.

Il primo, quello accanto, è un semplice tassello che risolve più di un problema.

Purtroppo questo fissaggio è valido solo nei casi in cui ci siano altri fissaggi.

 tetto1
 Vediamo un esempio classico, ringhiera lunga che ha due montanti ancorati al soffitto.

Di solito serve per poter limitare l’oscillazione, nel caso ci sono quattro fissaggi sul parapetto e due al soffitto, la soluzione sopra vista, in questo caso è sufficiente.

Ho parlato di tassello solo poiché è la più semplice, ma funzionano tutte le soluzioni verticali o orizzontali.

V82 
 Il secondo caso è quello di appendere qualcosa solo al soffitto, senza altro posto su cui fissarlo.

Ovviamente se si tratta di un lampadario, la faccenda è semplice, ma se il lampadario, nel nostro caso è in ferro battuto e ha un certo peso, dobbiamo assicurarci che non precipiti.

Sarò un po’ paranoico, affermando che i fissaggi a soffitto prevedono tutti (salvo casi eccezionali) i fori che trapassino la soletta.

Nella grafica accanto ho fatto l’esempio dell’ancoraggio classico.

C’è il nostro ferro su cui appenderemo qualsiasi cosa, la piastra di sostegno, eventualmente, ma non sono necessari dei bulloni per fissare il tutto,

Vado a spiegare come faccio:

Con un trapano e una punta abbastanza lunga foro la soletta, facendo attenzione che il foro sia più grande della sezione del ferro che inseriamo.

Questo non è un problema di precisione, ma serve e serve spesso a non coniugare troppe parole con Dio.

Per esperienza personale so che non si riesce a mantenere il piombo nel foro, sopratutto quando invece di un solo ferro ne abbiamo collegati diversi.

Poi c’è un’altro motivo è meglio inghisare, cementare, incollare, insomma fare qualsiasi cosa che preveda il fissaggio al laterizio del nostro pezzo.

 

 tetto2a

 

 

 

 

 

 

tetto2

Vediamo un caso pratico.

Mi è capitato di dover fissare solo al soffitto una cappa che pesava oltre quattro quintali.

Quando si fanno questi lavori è necessario lavorare al grezzo, ricordo che ho fatto il diavolo a quattro, con proprietari, impresari, idraulici e qualsiasi persona mi capitava per i piedi, per avere il pavimento della stanza superiore libero.

Stavano facendo l’impianto di riscaldamento a pavimento con sopra il seminato veneziano, se li avessi lasciati fare mi sarei ritrovato nella situazione di non poter trapassare la soletta.

Mentre in questo modo con poche ore di lavoro, ho piombato livellato e fissato una cosa decisamente pesante.

KERSEVAN4 220503
 Vediamo un caso probabilmente assurdo, per quelli che non fanno i fabbri.

Nei vuoti, ho fatto l’esempio di una ringhiera appesa solo al soffitto.

Il grosso problema sta nell’eccessiva oscillazione.

Ovviamente se i montanti che vanno al soffitto sono esili non ci troveremo di fronte a una ringhiera, ma ad un basculante.

 SPS
 Vediamo di risolvere il problema in modo empirico, anche se l’esame di statica e di meccanica razionale non sono poi così difficili, anzi probabilmente sono più semplici e meno incasinati.

Comunque tutto sommato il problema risiede nella sezione dei montanti.

E’ ovvio che se ancoriamo un solo ferro quello dovrà avere una dimensione adeguata.

Tanto per scrivere due numeri, su una ringhiera come quella della grafica è necessario un HEB da 180 millimetri, ed è sufficiente, ma sottodimensionato.

Nei disegni a fianco prospetto una soluzione a traliccio,

Qui non spiego come costruire la ringhiera con tutte le sue implicazioni.

Vedete questo Link.

Ancoraggio di una ringhiera a soffitto

I quattro punti di ancoraggio sono molto solidi saldati su una doppia piastra con i bulloni che  attraversano la soletta.

Si tratta di un buon punto di partenza.

 

 tetto03

 

 

 

 

tetto031

 

 

 

 


 Adriano Cortiula, fabbro ferraio in Tricesimo