Indice degli articoli relativi all’insegna barocca

 

L’insegna barocca- Riepilogo- Materiali usati

Come nella migliore tradizione di un fabbro il materiale usato è rigorosamente di scarto. La maggior parte del materiale è stata recuperata dai rottami dell’ officina.Così le creste della tabella sono state forgiate dai resti di un tombino incidentato. Con gli ulteriori  ritagli ho forgiato i fiori.

Un tubo piegato e rotto da due pollici e mezzo ha fornito il materiale per fare il vaso.Il ferro che ho usato per fare i  gambi dei fiori  apparteneva a delle rostre di fine ottocento che ho restaurato una decina di anni faStrano destino del riccio superiore e inferiore del braccio, è stato forgiato da una porta di un campanile di una frazione di Tramonti, che un fabbro ha tentato di costruire.

Al posto di lavorare il ferro lo ha massacrato, portando il penoso risultato nella mi officina, io ho rifatto la porta con del ferro nuovo e ho utilizzato i poveri resti di un quadro da 30 mm per ottenere le sopraccitate volute.

Altre volute sono costruite con del materiale che era stato 30 anni sotto terra regalatomi dal famoso alpinista Ignazio Piussi quando ancora aveva un’impresa edile.Quando avevo finito tutti i ritagli di lamiera dell’officina, ho iniziato a ritagliare le foglie da spezzoni di tubi o tubolari,  Foto Come ho recuperato il ferro del braccio orizzontale ne ho già parlato.

Naturalmente non tutto il ferro è stato possibile recuperarlo, così le lamiere della tabella sono stato costretto ad acquistarle dal mio fornitore abituale, che senza lasciarsi commuovere me le ha fatte pagare a prezzo di mercato, questo è stato l’unico momento che sono stato assalito dalla depressione e volevo abbandonare l’opera.. 

Inoltre non mi è stato possibile recuperare i colori per la verniciatura e ho dovuto comperarli a prezzi che ritengo esosi.

Ricapitolando i materiali che ho usato, per costruire l’insegna, sono questi

2,7 mq di lamiera da 25 decimi di mm.
Rottami di ferro

I materiali per la verniciatura

(i colori acrilici naturalmente non li ho usti tutti ma le confezioni minime erano da un kg,  oro escluso, comunque questo colore se lo fanno  pagare quattro volte tanto le tinte base.)

1,5 kg di antiruggine al cromo monocomponente
1,5 kg di antiruggine poliuretanico bicomponente
2,5 kg di smalto sintetico verde chiaro
1 kg di nero acrilico
1 kg di bianco acrilico
1 kg di rosso acrilico
1 kg di giallo acrilico
1 kg di blu acrilico
1 kg di verde acrilico
250 grammi di oro acrilico
1kg di cera industriale contro i raggi ultravioletti.
3 Litri di diluente alla nitro
1 Litro di diluente sintetico
I materiali per il disegno Una risma di fogli A3
Una risma di fogli A4
Almeno 4 mq di carta da pacchi
Dei cartoncini di varie misure

Materiali di consumo

Coke La solita percentuale 30% di Coke e 70% di fossile
Antracite
Propano Per il bruciatore
Ossigeno Per il cannello
Acentilene
Co2 Per la saldatrice
Filo da 1mm.
Dischi da 1 mm per 125 Per la mola smeriglio
Dischi da 1,6 mm per 125
Dischi da 3 mm per 125
Dischi da 6 mm per 125
Dischi lamellari da 115 mm grana 100
Dischi lamellari da 115 mm grana 80
Dischi lamellari da 115 mm grana 60
Disco di cartavetro da 115 mm
Lame per tagliare per la segatrice a nastro
Dischi abrasivi 5mm x 300 Per una troncatrice da banco
Ugelli interni e esterni Per il plasma
olio Per il maglio e per lubrificare
Olio emulsionabile per la segatrice a nastro
Guanti da lavoro Per protezione personale
Occhiali da protettivi
Vetro trasparente per la maschera
Matite Da muratore in grafite
Quelle normali HB in grafite
A mina da 2mm F e HB in grafite
A mina da 0,5 mm. F in grafite
Una bianca molto grossa
Gessi Quelli soliti bianchi
Un sacchetto di gesso in polvere
Penne a sfera nere
blu
rosse
Pennarelli Blu indelebile
Nero x disegno
Blu per disegno
Rosso per disegno
Cartucce  e toner per le stampanti Ciano chiaro
Ciano scuro
Magenta chiaro
Magenta scuro
Giallo
Nero chiaro
Nero scuro
Toner nero per stampante Oki
Toner nero per fotocopiatrice Canon
Gomme per cancellare Morbida della Pellkan
Ruvida di una sottomarca

 

Indice degli articoli relativi all’insegna barocca


 Adriano Cortiula, fabbro ferraio in Tricesimo