Indice degli articoli relativi all’insegna barocca

 

L’insegna barocca – Progetto – Progetto delle volute
 Prima di passare alla progettazione vera e propria, è meglio spiegare come ho ottenuto le volute  e gli altri elementi fondamentali nonchè i metodi di fissaggio tra le varie parti.Non voglio essere pedante, ma la spiegazione che è ovvia per qualsiasi fabbro che sappia allacciarsi le scarpe,   non lo è altrettanto per chi non fa il mio mestiere. 

La costruzione del tipo di spirale che uso  comunemente è logaritmica

(Una spirale si dice logaritmica quando una qualunque semiretta di origine O intercetta sulla spirale i raggi vettori che stanno in rapporto costante. )

come il tipo A oppure B o C.

Uso meno altri tipi di costruzione come   D o E addirittura la spirale di Archimede F, che mi ricordi, l’ho usata una sola volta al di fuori di  lavori in stile liberty.

Dato che per trovare i volumi ho usato la proporzione aurea, non è un grosso ragionamento scegliere la spirale omonima per costruire tutti i ricci dell’insegna.

Quindi ho scelto la spirale C

small10

A

B


C

D

  E

F

La voluta che ho disegnato è una spirale logaritmica chiamata spirale aurea.

Come si intuisce ho usato le misure proporzionali trovate disegnando il rettangolo in cui inserire l’insegna.

( Sia il disegno in scala, che in 1:1 è stato eseguito con il compasso tralasciando lo scostamento che c’è tra la costruzione matematica e la costruzione  empirica facendo centro via via in un angolo del quadrato e raggio sul suo lato.)

Tutte le volute sono state eseguite con questa proporzione, naturalmente la sezione del ferro indicherà l’ampiezza della spirale stessa.

Ovvero a sezione uguale corrisponderà un riccio uguale, più grossa la sezione più ampia la dimensione della voluta e viceversa.

Qui si può vedere dove ho inserito la spirale che da il movimento a tutto il braccio.

 

Indice degli articoli relativi all’insegna barocca


 Adriano Cortiula, fabbro ferraio in Tricesimo